Sono anni che assistiamo alla crescita costante del digital marketing, soprattutto con la diffusione del content marketing il contenuto video ha avuto la meglio, nel bene e nel male, rispetto ad altre tipologie di contenuti.

Prima di analizzare i trend del 2022, possiamo affermare con sicurezza:

Il contenuto video è il futuro. Il pubblico preferisce interagire con il contenuto video: 6 persone su 10 preferiscono guardare i video online piuttosto che la televisione. Ed entro il 2022, i video online rappresenteranno oltre l’82% del traffico totale su Internet, 15 volte superiore rispetto al 2017. (fonte Cisco)

Facebook totalizza oltre 8 miliardi di views al giorno con il contenuto video e le ads video sono diventate altrettanto diffuse e popolari. Su LinkedIn gli utenti hanno 20 volte più probabilità di condividere un video post, mentre le campagne video (*ANCHESEMOLTOCOSTOSTE) hanno percentuali di visualizzazione del 50%. YouTube conferma la sua egemonia come piattaforma first-video. Non per niente rimane il secondo sito web più popolare dopo Google. Ogni giorno vengono visualizzati più di 1 miliardo di ore in video e oltre 1,9 miliardi di persone utilizzano YouTube, circa un terzo dell’utenza di Internet!

Ma ora passiamo alle 8 tendenze e/o approcci da attenzionare secondo noi per il 2022.

1 VISUAL STORYTELLING

Con gli anni lo strumento della narrazione è diventato essenziale per distinguersi dai contenuti dei competitors, ma lo diverrà ancora di più nello tsunami di contenuti che il 2022 vedrà prodotti. Questo moltiplicarsi dei contenuti è dovuto vuoi per la diffusione tra il grande pubblico di nuove piattaforme digitali, come TikTok, vuoi per la diffusione di smartphone con prestazioni e funzioni sempre più avanzate. Sul piano tecnico molti smartphone ormai sono superiori a video/fotocamere di fascia entry-level, questo grazie anche all’ausilio massiccio dell’AI.

Diciamolo con franchezza oggi in prima battuta chiunque può produrre dei contenuti, per distinguersi oltre alla padronanza tecnica dello strumento, in termini di qualità occorre la capacità di costruire un racconto visuale, serve fare visual storytelling.

Da dove iniziare? Vi lasciamo di seguito 2 titoli di libri.

Story di Robert McKee

https://www.amazon.it/Contenuti-struttura-principi-sceneggiatura-scrivere/dp/8896450039

Story-Robert-McKee-storytelling-libro

Storytelling for dummies di Andrea Fontana

https://www.amazon.it/Storytelling-storytelling-efficace-Sviluppare-narrazione/dp/8820380765

Storytelling-for dummies-Andrea-Fontana-libro

2 QUALITÀ TECNICA

Totò diceva: “Nessuno nasce imparato”. Neanche i nativi-digitali-content-creators nascono imparati. Anche se lo storytelling e la spontaneità ripagano sempre, ad una certa se volete dare una marcia in più ai vostri contenuti, la formazione è l’unica via per migliorare e produrre video in termini qualitativi sempre migliori.

Da dove partire? Anche qui vi consigliamo oltre ad un libro, una fonte con centinaia di video-corsi.

Il manuale del videomaker di Stefano Poletti

https://www.amazon.it/manuale-videomaker-Smart-guide-dellaudiovisivo/dp/8836000010

Il-manuale-del-videomaker-Stefano-Poletti

Questo è il libro che ultimamente consigliamo a chiunque voglia saperne di più sul videomaking, ed è forse l’unico manuale in lingua italiana aggiornato ai giorni nostri con un mindset da videomaker. Le nozioni di questo manuale sono di facile comprensione. Ma se non vi bastasse su Domestika trovate singoli corsi, al costo di una pizza, su svariate tematiche. Troverete svariati corsi, dalla fotografia al videomaking, fino a corsi su specifici software e/o tendenze.

domestika-videomaking-corsi

3 La strategia Millennials & GEN-Z

Il pubblico dei millennials e Gen-Z non gradisce i contenuti video che hanno come unica componente lo scopo di vendere il prodotto. Come fare perciò?
La vostra strategia di contenuti video deve prevedere l’immedesimazione nel proprio pubblico per generare un autentico legame sul piano d’interesse. L’hanno capito i colossi che sfornano contenuti d’intrattenimento. La strategia da seguire nella teoria è creare video con contenuti coinvolgenti, puntare allo storytelling e all’autenticità delle storie per creare un punto di contatto con il nostro pubblico. Una strategia nella pratica? Per questo ci sarà un articolo dedicato.

4 BUDGET PER IL BOOST

Consideriamo che nel 2022 i costi della pubblicità digitale aumenteranno, visto il proliferare competitivo dei contenuti sponsorizzati. Perciò l’obiettivo per ottimizzare al meglio il budget delle sponsorizzazioni è quello di mirare a migliorare la conversione, e guarda caso il video rimane il contenuto che aiuta a migliorare le performance della conversione.
Considerate che le piattaforme preferite dal pubblico puntano al contenuto video organico e sponsorizzato: YouTube, Instagram e TikTok. Ci sarà letteralmente una traslazione del budget dagli annunci sulla stampa al digitale molto consistente nel 2022.


PRESIDIARE IL FUTURO


5 TIKTOK

TikTok ha superato 689 milioni di utenti attivi nel mondo (DataReportal, 2021) e 1 miliardo di iscritti (TikTok, 2021). Nello specifico in Europa conta 100 milioni di utenti mensili. In Italia, ci sono 5,4 milioni di utenti unici (WeAreSocial, 2020).
Questi numeri dovrebbero bastare per farvi comprendere come questa piattaforma digitale oramai è un trend consolidato, il consiglio che possiamo darvi è iniziare a dargli un occhio di riguarda, anche se apparentemente la vostra audience.

Il 41% degli utenti di TikTok ha un’età compresa tra i 16/24 anni, il 66% è under 30, di cui il 60% sono donne. (Global Web Index, 2019).

MA COME FUNZIONA TIKTOK?
Sul versante algoritmo in linea generale le sezioni più rilevanti di TikTok sono:

  • Per Te
  • Scopri

La sezione Per te è un feed dove vi saranno proposti contenuti in base ai vostri interessi, considerando i seguenti parametri:

  • Tempo di visualizzazione del contenuto
  • Interazioni con il contenuto
  • Interazioni con altri contenuti
  • Impostazioni dell’account: (lingua, paese di provenienza)
  • Elementi ricorrenti: l’utente interagisce spesso con contenuti che hanno una stessa musica? Oppure cerca determinati hashtag?

TikTok è molto più democratico nel distribuire l’organica e la visibilità ai creatori di contenuti, questo permette a questi ultimi di ritagliarsi un spazio indipendemente dal numero dei followers.
Inoltre da giugno 2021 TikTok ha portato la durata dei video fino a 3 minuti, mentre la durata minima rimane sempre di 15 secondi. Uno degli strumenti da poter personalizzare al 100% in un’account TikTok Business sono per esempio i filtri, quelli in realtà aumentata sono i più graditi. Sempre per gli account Business all’interno della piattaforma possono essere utilizzati per fini commerciali un’infinità di brani musicali.

6 LIVE

I video in diretta live in questi ultimo periodo sono diventati una forma di contenuto spesso utilizzata, soprattutto per sostituire gli eventi in presenza. Grandi brand (vedi Apple) hanno utilizzato i video live per lanciare prodotti e novità al proprio pubblico.

Basta andare sui canali YouTube e/o Twitch dei grandi colossi per capire l’impatto dei video in diretta.

YouTube LIVE è uno strumento che in maniera davvero molto semplice permette di trasmettere fin da subito sia con webcam sia da dispositivo mobile. Per i più impavidi invece ci sono degli appositi software (vedi OBS) che fanno da ponte per trasmettere in live, questo permette di:

Condividere lo schermo
Utilizzare hardware audio e video esterno
Gestire una produzione video avanzata con più videocamere e microfoni
Per YouTube neanche vogliamo farvi l’elenco di statistiche e percentuali, se siete arrivati fino a qui siete abbastanza bravi per cercavi le metriche di YouTube nel dettaglio.

Twitch nasce inizialmente come piattaforma per trasmettere in live la propria passione per i videogames, ma con il tempo il colosso viola ha visto popolarsi di persone che amano semplicemente condividere le proprie passioni: musica, pittura, lettura… Twitch è realmente la versione 4.0 della TV, immaginate le potenzialità della TV unite a quelle d’interazione in tempo reale tipiche del web.

Piccola parentesi Twitch.Tv è stata acquisita da Amazon, chi possiede un abbonamento Prime ha una serie di feature omaggiate per il Prime Gaming.

Per Twitch sprechiamo qualche carattere per darvi qualche statistica, il 2021 ha visto è
+31% di ore viste rispetto allo stesso periodo del 2020, nel periodo da aprile e giugno, per un totale di 6,2 miliardi di ore viste

Nella pratica a chi consigliamo l’utilizzo di Twitch in ambito business? A tutte quelle realtà che vogliono realmente entrare in contatto con il proprio pubblico e costruire una solida fan-base. Ovviamente è importante creare reali contenuti d’intrattenimento, inoltre con determinate metriche la monetizzazione rispetto a YouTube è molto più profiqua e la concorrenza in Italia è ancora

Il target principale di Twitch è composto dal 65% da uomini, il 73% dei quali ha è under 35 anni. La piattaforma ha prevalentemente un pubblico che rientra nella Generazione Z, che dedica molto tempo alla visione dei contenuti dei propri creators preferiti, perciò oltre ad essere un media dove indirizzare dei contenuti format video e un’ottima piattaforma per gli inserzionisti che vogliono intercettare un pubblico giovane.

Vuoi maggiore supporto per la tua strategia di video marketing?

Scrivici tramite il nostro form di contatto qui di seguito, siamo disponibili per una prima consulenza gratuita! La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.

    Settore in cui si opera (richiesto)